Come si gioca a rubabandiera (gioco del fazzoletto)

Il gioco della rubabandiera o del fazzoletto è uno dei giochi più famosi per ragazzi che possa essere giocato all’aperto.

Disposizione squadre nel gioco di rubabandiera

Disposizione squadre nel gioco di rubabandiera

Cosa serve per giocare?

  1. Un fazzoletto di stoffa o un tovagliolo.
  2. Un educatore/arbitro che tenga in fazzoletto (portabandiera).
  3. Due squadre di ragazzi che si contendono il fazzoletto (squadre con stesso numero di giocatori).
  4. Uno spazio aperto privo di ogni tipo di ostacolo.

Come si gioca?

Le due squadre di giocatori sono disposte su due file parallele ed ad ogni partecipante viene assegnato un numero, i numeri assegnati devono essere progressivi partendo da uno.

Davanti alle due file indiane di giocatori è presente il portabandiera che con un braccio teso in avanti tiene penzolante con due dita un fazzoletto.

A questo punto il portabandiera chiama un numero a caso fra quelli assegnati ai componenti delle due squadre.

I giocatori chiamati in causa (corrispondenti al numero chiamato) corrono verso la bandiera con uno scopo ben preciso, prendere la bandiera e tornare nella propria postazione.

In questo caso viene segnato un punto alla squadra di chi porta in “base” la bandiera.
E’ possibile però anche effettuare un punto toccando il giocatore che rubata la bandiera sta correndo verso la base.

Il gioco quindi si svolge utilizzando doti di velocità e destrezza (rubare la bandiera) ma anche di calma e sangue freddo in quanto molte volte è più semplice attendere a ridosso della bandiera che il proprio avversario la rubi per poi toccarlo e ricevere il punto.

Qualora un giocatore toccasse volontariamente il giocatore avversario prima che sia presa la bandiera, cederà automaticamente il punto all’altra squadra.

Non è raro vedere sfide che assegnano punti in questo modo senza che la bandiera venga mai presa, quindi ATTENZIONE: non toccate mai il vostro avversario prima che venga presa la bandiera.

In alcuni casi può capitare che entrambi i concorrenti afferrino la bandiera allo stesso istante, in questo caso la giocata viene annullata e si richiamano i numeri.

Lo stallo

Molti giocatori soprattutto se esperti e smaliziati attendono le mosse dell’avversario (spesso è più facile fare punto toccando l’avversario che si impossessa della bandiera). Questa tecnica se applicata da entrambi i giocatori può portare a uno “stallo”, ovvero i giocatori rimangono concentrati in prossimità della bandiera, facendo finte, scatti e mantenendo atteggiamenti ambigui. In questo caso il portabandiera per far uscire dallo stallo può chiamare in aiuto un altro numero, quindi altri 2 giocatori, il campo di gioco quindi in questo modo prevede 4 giocatori, due per squadra, sicuramente tutto molto più complicato ma nello stesso tempo affascinante.

Ragazzi che si affrontano durante una giocata

Ragazzi che si affrontano durante una giocata

Il ruolo del portabandiera

Il portabandiera oltre a tenere il fazzoletto è anche un arbitro, chiama i numeri delle squadre, capisce quando si è in stallo e cosa importantissima deve giudicare i più minimi sfioramenti fra le parti, e capire quale possa essere il contatto volontario fra i due. Sicuramente un ruolo difficile, spesso contestato ma al tempo stesso molto soddisfacente.

Strategie per giocare a rubabandiera

Le strategie di gioco per rubabandiera sono le più disparate, c’è chi preferisce attendere il proprio avversario per poi toccarlo oppure chi preferisce puntare tutto sulla velocità, prendendo il fazzoletto e tramite scatti evasivi riuscire a non farsi toccare dall’avversario. È un gioco di prontezza di riflessi, scatti, finte e strategie per fuggire con la bandiera rubata senza essere presi dall’avversario.

Chi vince?

Vince la squadra che raggiunge il maggior numero di punti, solitamente il limite massimo è 10

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *